Mediest
english version versione italiana | HOMEPAGE | MEDIEST - Ambulatorio specialistico dermatologico e di chirurgia plastica - Mestre (Ve) - P.IVA 03408330276 - tel 041 5352211 - cel 346 6356111
PROVA ENDERMOLOGIA GRATUITA
PRENOTA LASERTERAPIA
PRENOTA UNA VISITA SPECIALISTICA
HAI DOMANDE ?

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilit� dell'informazione medica

scleroterapia dei capillari

teleangectasie con scleroterapia

sezione a cura di:
Francesca Zuliani

bibliografia

photogallery
prima/dopo

Scopo
Eliminare i capillari visibili sulle gambe (Telengiectasie).
Metodo
Una soluzione sclerosante a bassissima tossicità viene iniettata direttamente all' interno dei capillari da trattare, danneggiandone la parete e causandone l'occlusione. Gli sclerosanti utilizzati sono numerosi e talvolta variano a seconda delle nazioni o dei continenti dove la terapia è attuata. Infatti alcuni sclerosanti si trovano in alcuni paesi ed in altri no. Lo sclerosante universalmente più usato è il polidocanolo (atossisclerol) allo 0,5% e a diluizioni inferiori. Altri farmaci usati sono il salicilato di sodio e la glicerina, che però provoca reazioni sclero-infiammatorie più importanti con una discreta percentuale di iperpigmentazione post-scleroterapica (Georgiev, 1993).Negli Stati Uniti, dove la FDA non consente l'uso dell'atossisclerol, il farmaco più usato è lo Sclerodex (soluzione iperosmolare salina al 10%, glucosata al 25% ed 1% di alcool fenetilico), oltre al trombovar a bassa concentrazione.
Le teleangiectasie vanno trattate con sclerosanti a bassa concentrazione.
I vasi più grossi rispondono meglio all'associazione Laser e scleroterapia. Anche i vasi molto piccoli non sono bene trattabili con il Laser. Goldman MP et Al. (1993) consigliano l'uso dell'associazione della scleroterapia (soluzione ipertonica salina o sclerodex, atossisclerol e trombovar) al Laser. Al termine della seduta è consigliabile indossare da subito calze a compressione da 140 den.
Durata del risultato
I risultati della scleroterapia sono eccellenti e comportano la risoluzione del problema in percentuali molto elevate, che si avvicinano alla quasi totalità dei casi, se si ricorre all'associazione di più presidi terapeutici.
Complicanze e controindicazioni
Le complicanze della scleroterapia possono essere locali e generali:
Locali
1) Iniezione extravasale: edema, dolore, flogosi, necrosi cutanea, lesioni nervose.
2) Iniezione corretta di agente sclerosante, ma inadeguato per dosaggio e concentrazione: vasospasmo, tromboflebite, coagulo endoluminale, iperpigmentazione, edema temporaneo, neogenesi di teleangiectasie (telangiectatic matting), orticaria localizzata.
3) Complicazioni legate ai bendaggi e alle medicazioni (tape compression blister e folliculitis).
4) Iniezione endoarteriosa, con conseguenze gravi per paziente e medico.
Generali
1) Fenomeni d'ipereattività da lieve fino a grave: sudorazione, senso di nausea e perdita di coscienza, shock anafilattico, insufficienza respiratoria grave, arresto cardiaco. La morte istantanea è eccezionale ed imprevedibile.
2) Trombosi venosa profonda ed embolia polmonare.

ambulatorio Mediest 2004-2010

stampa questa pagina segnala questa pagina ad un amico
Ultimo aggiornamento: 05/10/2011