Mediest
english version versione italiana | HOMEPAGE | MEDIEST - Ambulatorio specialistico dermatologico e di chirurgia plastica - Mestre (Ve) - P.IVA 03408330276 - tel 041 5352211 - cel 346 6356111
PROVA ENDERMOLOGIA GRATUITA
PRENOTA LASERTERAPIA
PRENOTA UNA VISITA SPECIALISTICA
HAI DOMANDE ?

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilit� dell'informazione medica

struttura dell'acido salicilico

Peeling: acido salicilico

sezione a cura di:
Francesca Zuliani

bibliografia

photogallery
prima/dopo

Scopo
Produrre un'esfoliazione degli strati superficiali dell'epidermide. Si induce il distacco di larghe falde di pelle attraverso l’uso di un agente chimico che viene applicato sulla superficie cutanea.
Metodo
L’acido salicilico, chimicamente detto acido-o-idrossibenzoico, viene utilizzato come agente peeling a diverse concentrazioni, in particolare in concentrazioni del 50% in pasta per trattare distretti non facciali e in concentrazione del 25-30% in soluzione idroalcolica per trattare il viso. Il peeling salicilico si presenta come un ottimo strumento per facilitare l'espulsione dei comedoni, specie in abbinamento alla terapia domiciliare con retinoidi.
Per le sue caratteristiche fisiche, a differenza dell'acido glicolico, l'acido salicilico penetra nella ghiandola sebacea esplicando un effetto astringente e quindi riduce la produzione di sebo, pur temporaneamente.
L’acido salicilico per il suo uso antiacne ed antiaging, va utilizzato a concentrazioni molto alte.
Durata del risultato
Ovviamente i risultati migliori si otterranno con cicli ripetuti mensilmente, continuando con pazienza senza dimenticare la terapia locale. La durata del risultato dipende, non solo dalle modalità applicative, ma anche dall'abilità del medico nel gestire gli eventi successivi in relazione alla cute del paziente ,e dalla meticolosità del paziente nell'osservare le indicazioni del medico.
Complicanze e controindicazioni
Alla fine del peeling la cute viene detersa con una sostanza oleosa per togliere eventuali depositi di acido salicilico sulla superficie cutanea e viene applicata un’emulsione idratante. Si tratta di un peeling superficiale, che pur producendo una notevole esfoliazione, è compatibile con una normale ripresa della vita sociale fin dal giorno successivo il trattamento. Talora sono necessari 2 o 3 passaggi della sostanza nella stessa seduta. Nella fase post-peeling permane un eritema che recede completamente in 24-36 ore, dopo le quali inizierà una desquamazione e talora un aumento transitorio della pigmentazione in alcune aree del viso. Il linea di massima sarà necessario mettere in atto i seguenti accorgimenti:
• Ricorrere ad una detersione non aggressiva.
• Il giorno dell'esfoliazione più marcata applicare solo VASELINA.
• Successivamente per una settimana usare solo pomata all'ossido di ZINCO.
• Evitare il sole con l'uso di foto-protezioni massime.
Questi risultati devono essere in seguito mantenuti e stabilizzati con un trattamento locale regolare a base di prodotti schiarenti. e di creme dermocosmetologiche adatte al tipo di pelle trattata.

ambulatorio Mediest 2004-2010

stampa questa pagina segnala questa pagina ad un amico
Ultimo aggiornamento: 11/03/2009