Mediest
english version versione italiana | HOMEPAGE | MEDIEST - Ambulatorio specialistico dermatologico e di chirurgia plastica - Mestre (Ve) - P.IVA 03408330276 - tel 041 5352211 - cel 346 6356111
PROVA ENDERMOLOGIA GRATUITA
PRENOTA LASERTERAPIA
PRENOTA UNA VISITA SPECIALISTICA
HAI DOMANDE ?

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilit� dell'informazione medica

prodotti a base di ac. glicolico

Peeling: acido glicolico

sezione a cura di:
Francesca Zuliani

bibliografia

photogallery
prima/dopo

Scopo
Produrre un'esfoliazione degli strati superficiali dell'epidermide. Si induce il distacco di larghe falde di pelle attraverso l’uso di un agente chimico che viene applicato sulla superficie cutanea. L’Acido Glicolico è un derivato della canna da zucchero, fa parte della famiglia degli Alfaidrossiacidi ed è l'acido più interessante per uso cosmetico dato che, avendo un peso molecolare più basso rispetto agli altri (2 atomi di Carbonio), ha una migliore capacità di penetrazione. L'Acido Glicolico ad alte concentrazioni (50-70%) è utilizzabile esclusivamente per uso medico.
Metodo
L’applicazione di acido glicolico sulla pelle comporta la comparsa di eritema, edema e uno schiarimento bianco-grigiastro, segno di lisi epidermica. L’acido glicolico, a fine trattamento, viene neutralizzato con una soluzione basica, di solito acqua e bicarbonato, il viso deterso con un detergente delicato e, infine, viene applicata un’emulsione idratante/lenitiva. L'azione è duplice:
levigare, idratare e conferire luminosità alla pelle attraverso una esfoliazione dello strato superficiale della pelle (lo strato corneo), stimolando e facilitando il ricambio cellulare, e contrastando così gli effetti dell’invecchiamento. Infatti le cellule dell’epidermide (cheratinociti) per azione dell’acido glicolico, si moltiplicano promovendo così un notevole aumento dello strato spinoso fatto di cellule giovani.
attivare i meccanismi fisiologici grazie ai quali aumenta la sintesi di collagene, elastina e l’idratazione endogena ottenendo così un miglioramento del trofismo della pelle. L’acido glicolico indebolisce il “cemento” intercellulare che unisce le cellule dello strato corneo sulla superficie della pelle; le cellule morte si staccano, e come risultato si ottiene uno strato di pelle più liscia e soffice.
Durata del risultato
La rigenerazione cutanea si completa in 2/3 settimane. E' utile ripetere l'applicazione fino al conseguimento del risultato.
Complicanze e controindicazioni
E' molto difficile oltrepassare l'effetto ricercato, non ci sono controindicazioni e il peeling puo' essere realizzato su ogni tipo di pelle, su tutto il corpo e in ogni stagione. L'azione del peeling e' sempre regolarmente ripartita come lo testimonia la desquamazione regolare della pelle trattata. Si nota una leggera desquamazione (al 3°-4° giorno) facile da nascondere, controllabile mediante l'applicazione di una crema idratante. Le complicazioni rarissime. Il peeling chimico può indurre recidive erpetiche, pertanto si consiglia in soggetti predisposti un trattamento profilattico con farmaci antivirali. Può indurre inoltre eritema ed edema nelle 2-3 ore successive al trattamento e cute desquamante nella settimana successiva. Talora si ha la comparsa di sovrainfezione batterica in seguito a manovre di grattamento, con formazione di vescicole, croste ed essudazione, per cui diventa necessaria una terapia antibiotica per via orale o topica. Le cure post peeling si riassumono in una o due applicazioni giornaliere di una crema adattata al tipo di pelle trattata.

ambulatorio Mediest 2004-2010

stampa questa pagina segnala questa pagina ad un amico
Ultimo aggiornamento: 11/03/2009